Conto corrente per protestati: come aprirlo

Conto Corrente per Protestati
Conto Corrente per Protestati

I conti correnti per protestati sono delle soluzioni non facili da trovare. Indubbiamente per chi ha avuto dei problemi finanziari legati al protesto (sia da cambiale che da assegno bancario) l'apertura di un nuovo conto corrente comporta non pochi problemi, scopriamo se ci sono delle valide soluzioni nel 2017 e come aprirlo.

Carta Hype di Banca Sella

Il conto corrente per protestati è una soluzione che possono richiedere coloro che hanno avuto problemi in passato con il pagamento di cambiali o di assegni (non onorando questo impegno).

Questo sito web fa parte del network finanziario Mj Web Studio e parliamo di conti correnti a protestati anche su questa pagina web: http://www.prestitionlineitalia.com/conto-corrente/apertura-conto-corrente-protestati.html .

Andiamo a vedere tutto quello che c'è bisogno di sapere per l'apertura di un conto a protestati, come aprire un conto essendo protestato o cattivo pagatore, chi lo può fare e cosa dice la legge in Italia.

Tutti coloro che sono stati segnalati ed iscritti nel registro dei protesti possono fare domanda di un conto corrente per protestati.

La legge italiana non prevede alcun divieto, ma questo non vuol dire che sia semplice.

Perché è difficile aprire un conto per protestati e cattivi pagatori

Gli istituti di credito non aprono solitamente un conto corrente a chi è stato segnato nel registro dei protestati per il semplice motivo che preferiscono non entrare in contatto (da un punto di vista professionale) con chi ha avuto disguidi finanziari in passato.

In pratica, le banche cercano di proteggere i loro soldi e, nel tentativo di farlo, escludono a priori i protestati.

Alternative facili, veloci ed efficaci

Nonostante questo, in Italia ci sono anche delle alternative semplici ed efficaci al conto corrente per protestati, come la carta prepagata, anche con IBAN.

Si tratta di una scelta che può essere fatta da tutti, anche i cattivi pagatori ed i protestati, perché nel momento dell'apertura non viene fatto nessun controllo di solidità finanziaria.

Alla banca che emette la prepagata non interessa, in sostanza, se si sono avuti dei problemi finanziari in passato: la carta prepagata viene concessa lo stesso.

Le carte prepagate con IBAN

Le carte prepagate con IBAN sono delle validissime alternative al conto corrente classico che, lo ricordiamo, da protestati non si può avere.

Ad esempio, la carta prepagata con IBAN Hype di Banca Sella può essere usata come un conto corrente e viene rilasciata senza alcun controllo.

Lo stesso dicasi per la carta ViaBuy, altra interessante alternativa.

Altra carta prepagata con IBAN è la Postepay Evolution, ma le tempistiche di richiesta sono già più lunghe.

La miglior carta prepagata con IBAN per protestati è, a nostro avviso, la Hype di Banca Sella, perché si può chiedere online e perché, già dal momento in cui si è terminata la procedura, il conto corrente è già attivo (la carta verra spedita a casa entro pochi giorni).

Leggi di più sul nostro approfondimento delle migliori carte prepagate con IBAN.

Non mi aprono un conto corrente, che posso fare?

Se hai fatto domanda di apertura conto presso più banche ma la risposta è stata sempre negativa, la prima cosa da fare è cercare di porre rimedio alla situazione che spinge le banche a "nicchiare".

Se sei segnalato come protestato, dovresti cercare la cancellazione dal registro protesti, se invece sei cattivo pagatore, dovresti invece cercare di uscire dal registro CRIF, e così via.

Capiamo che si tratta di opzioni che possono chiedere molto tempo, perché la legge italiana prevede un periodo di permanenza minima in entrambi i registri, per cui se hai bisogno velocemente di un conto corrente, potrebbe non essere la soluzione giusta.

Ecco allora che la soluzione delle carte prepagate con IBAN, che si possono usare esattamente come un conto corrente (anche per ricevere lo stipendio o la pensione) è molto veloce.

Opinioni e recensioni 2017 / 2018

Tra siti internet, forum, blog, abbiamo trovato molte recensioni ed opinioni sui conti correnti per protestati.

Una delle cose più importanti in assoluto che abbiamo capito è che è davvero difficile riuscire ad aprirne uno se si è iscritti in qualche registro di cattivi pagatori e protestati.

Allo stesso tempo, abbiamo anche letto diverse opinioni positive, in maniera particolare su forum di discussione, sulle carte prepagate, che nel 2017 hanno avuto un interessante tasso di crescita e nel 2018 dovrebbero migliorare ancora di più.

Tra le grandi novità del settore, in maniera particolare troviamo la già citata Hype, che si può chiedere direttamente online, e la N26, start-up tedesca che ha lanciato un prodotto molto interessante.

Prestiti a protestati, cosa c'è in rete

Quando si parla di protestati, chi è iscritto nel famigerato registro ha delle difficoltà concrete non solo nel riuscire ad ottenere un conto corrente, ma anche dei classici finanziamenti. Non tutte le società finanziarie e le banche concedono prestiti a protestati, ma con una buona ricerca in rete si possono trovare delle soluzioni comunque vantaggiose. Un esempio? I prestiti con cessione del quinto, che dipendenti e pensionati possono di solito chiedere anche se iscritti nel registro protesti, oppure i finanziamenti con cambiali (http://prestiticambializzati360.com/), che possono essere chiesti anche dagli autonomi che sono stati iscritti nel registro protesti a causa di un assegno bancario a vuoto.

Per concludere, anche se non è così facile, alcune possibilità ci sono, basta avere pazienza ed essere pronti ad affrontare più di qualche rifiuto.

Scritto da , aggiornato il alle

Carta Hype di Banca Sella